Imbattuta da ben otto giornate consecutive, guidata in panchina da un allenatore giovane, tifoso e foggiano doc (Padalino), giocherà la prima di due partite casalinghe di fila in uno stadio Zaccheria (limitato a solo 3000 posti a sedere) che riaprirà la Curva Nord omaggiandola all’indimenticato Franco Mancini. Non è difficile prevedere una trasferta proibitiva in quel di Foggia per il Sorrento.

Con 15 punti in classifica, il Foggia galleggia tra le squadre in zona salvezza e certamente farà il possibile per sfruttare al meglio il doppio turno casalingo. Mister Padalino ha predicato umiltà alla vigilia, tenendo alta l’asticella dell’attenzione: “Il Sorrento è una squadra da non sottovalutare, dotata di un ottimo organico specialmente nel reparto offensivo. E’ reduce da due sconfitte e sicuramente arriverà a Foggia arrabbiato. Serve la massima concentrazione”. Tecnico pugliese che dovrà fare a meno del suo calciatore più temibile, bomber Giglio autore già di 5 reti finora e appiedato per un turno dal giudice sportivo (somma di ammozioni). Al suo posto, spazio all’esperto Francesco Zizzari, giunto in rossonero proprio nelle ultime ore del mercato estivo. “Zizzari ha certamente caratteristiche differenti rispetto a Giglio – spiega l’allenatore del Foggia – ma avrà a sua disposizione un’occasione da sfruttare, per mostrare il suo vero valore e riapagare la fiducia”.

Guiderà la zona mediana, nonchè capitano dei satanelli, l’ex di turno Cristian Agnelli. In Costiera nella stagione 2008/09, l’anno della vittoria della Coppa Italia Serie C, in cui il centrocampista collezionò 23 presenze e 3 reti. Calciatore d’esperienza per mister Padalino, come l’esterno offensivo Giovanni Cavallaro (ex Nocerina) ed il portiere  Antonio Narciso (ex Grosseto e Modena).

Commenti

commenti