SERVIZIO A CURA DI MAURIZIO LONGHI (FOTO DI CARMINE GALANO). Oggi è il suo compleanno e lo trascorre serenamente, ma stavolta più del solito. La sua felicità dipende, in buona parte, anche dal calcio che più volte ha dichiarato essere la sua vita. Quando va in gol, per Ciccio Vitale è un viaggio, un viaggio fatto di corsa lasciando sul manto erboso le orme della gioia. Contro il Valdiano ha realizzato una doppietta, si spera la prima di tante, con un gol per tempo ha timbrato due volte il cartellino di questo 6-0 con cui sono stati annichiliti gli avversari. Il suo primo gol, quando la squadra già era in vantaggio di due reti, è stato da applausi e si è sviluppato sull’asse Scarpa-Vitale, con il cross del primo e il tiro al volo del bomber di Angri. Il secondo è nato da un’azione in area sbrogliata dal suo istinto di attaccante. Non ci poteva essere ritorno migliore per lui al “Campo Italia”, lo scorso anno ha provato a convincersi che tutto quel marasma finisse al più presto, che la situazione potesse avere un risvolto positivo. Invano. Ma con la città di Sorrento la scintilla era scattata e, quando si è presentata l’opportunità di farvi ritorno, non ci ha pensato due volte ed è stato disposto a scendere di categoria. Come previsto, il suo talento fa la differenza in Eccellenza, al debutto in campionato si è avuta la prima dimostrazione. Oggi è il suo compleanno, spegne trentadue candeline, non sono pochissime per un calciatore ma neanche tante, anzi, non solo potrebbe condurre l’FC Sorrento dove merita nel giro di qualche anno, ma l’età gli permetterebbe di restare ancora a godersi il frutto di battaglie e sacrifici. Intanto, la nuova primavera albeggia ancora, ma partire imponendosi con sei reti è un bel biglietto da visita: “Al di là dei due gol era importante partite bene con una vittoria, noi pensiamo a fare gruppo e non al singolo. Sono contento per la squadra, era davvero fondamentale partire con il piede giusto e l’abbiamo fatto”. Questa squadra riscuote un consenso unanime. Tutti sono concordi nel ritenerla una seria candidata alla vittoria del campionato, anche Masullo, tecnico del Valdiano, è rimasto felicemente impressionato dalla forza dei costieri. Per Vitale, però, mantenere i piedi per terra è il primo passo per alimentare i sogni: “C’è sempre da migliorare, i complimenti fanno piacere ma noi sappiamo che il campionato è ancora lungo e siamo solo agli inizi. Anche in settimana cerchiamo di trovare l’intesa, e non è difficile perché tutti i miei compagni di squadra sono di buon livello, siamo consapevoli che per raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati, dobbiamo lavorare duro anche negli allenamenti e i risultati arriveranno sempre”. Un ultimo segreto per essere sicuri di non sbandare e di non gloriarsi troppo dei peana che fioccano copiosi: “Oltre al lavoro, aspetto indispensabile per una squadra ambiziosa come la nostra, serve tanta umiltà per scendere in campo con lo spirito giusto indipendentemente dall’avversaria che ci ritroviamo di fronte”.

Commenti

commenti